RICOPRI: Ieri i manifestanti a favore della democrazia si sono radunati fuori dalla caserma della Guardia Reale per mostrare simbolicamente una resistenza pacifica contro i militari e il governo

Bangkok -

Una folla massiccia di manifestanti filodemocratici ha marciato lungo la Phaholyothin Road da Wat Phra Sri Mahathat alla loro destinazione, l'11° Reggimento di fanteria, ieri, 29 novembre, per mostrare simbolicamente la resistenza contro i militari e il governo e per sollevare una questione pubblica contro quella che chiamano una Monarchia, un'alleanza militare ed elitaria.

Alle 10:38 del mattino, il Fronte Unito di Thammasat e Dimostrazione ha annunciato il trasferimento del rally dalla Prima Divisione di Fanteria all'11° Reggimento di Fanteria, la Guardia del Re, alle 15:00, dopo che la Prima Divisione era stata pesantemente bloccata da container e rotoli di recinzioni di filo spinato da sabato notte. I manifestanti hanno dichiarato di aver deciso di cambiare posizione per evitare gravi conflitti e potenziali problemi.

L'11° Reggimento di Fanteria è stato scelto come luogo di protesta per il suo valore simbolico - nel 2019 è stato trasferito dall'esercito per passare sotto il diretto controllo di Sua Maestà Reale il Re. È stata anche la divisione principale in cui le autorità militari sono state dispiegate per reprimere una protesta contro le camicie rosse dell'opposizione nel 2010 e ha svolto un ruolo importante nei colpi di stato passati.

Fuori dal quartier generale del Reggimento sono state posate recinzioni di filo spinato e relitti di vecchi autobus, bloccando i cancelli di ingresso e di uscita. Per coprire il cartello del nome dell'unità sono stati usati fogli neri per evitare che venisse vandalizzata con vernice colorata. Un gruppo di poliziotti antisommossa si è messo in fila e si è tenuto pronto per la protesta fin dal momento del raduno. Si dice che all'interno dell'unità siano stati visti anche dei camion con cannoni ad acqua.

La marcia verso la destinazione, situata a un chilometro di distanza, è iniziata alle 18:00. Molti leader di spicco della protesta, tra cui Parit "Penguin" Chiwarak, Panupong "Mike" Jadnok, e Arnon Nampa, si erano presentati alla manifestazione. Hanno chiesto ai manifestanti di non smontare le bobine di filo spinato, di cercare di sfondare la barricata della polizia e di vandalizzare le proprietà della polizia, che la maggioranza ha ascoltato, anche se alcuni manifestanti di minoranza hanno dipinto graffiti e forato pneumatici sui veicoli della polizia fino a quando i leader della protesta non hanno detto loro di fermarsi per evitare di sollevare tensioni.

I manifestanti filodemocratici hanno ripetutamente ed esplicitamente fatto pressione sulla più alta istituzione thailandese per le riforme (non per l'abolizione) e hanno preso di mira tutte le aree del loro potere, finanziariamente e militarmente, nonostante le severe leggi di maggioranza e il fatto che quasi tutti i principali leader della protesta sono stati convocati secondo la legge. Altre richieste dei manifestanti sono la cacciata del primo ministro Prayut Chan-O'Cha, lo scioglimento del Parlamento, la rimozione dei senatori nominati dai militari e la riscrittura di una nuova costituzione. Chiedono anche una riforma dell'istruzione e la cessazione delle vessazioni nei confronti dei manifestanti.

Alla fine del raduno è stata letta una dichiarazione a favore della democrazia, in cui si afferma che l'11° Reggimento di fanteria è stato originariamente fondato dal Popolo. L'unità fu ribattezzata "Guardia del Popolo", poiché i manifestanti sostenevano che la monarchia non aveva bisogno di una forza privata. La dichiarazione fu anche consegnata all'autorità dell'unità.

I colori dipinti di rosso sono stati spruzzati ai piedi della polizia antisommossa per indicare il ruolo delle forze di sicurezza nella repressione mortale dei precedenti movimenti filodemocratici e un omaggio a 99 manifestanti in camicia rossa che sono stati uccisi durante le azioni di dispersione nel 2010.

Sebbene diversi furgoni della polizia siano stati dipinti con graffiti e alcune delle loro gomme siano state bucate, la protesta è rimasta per lo più pacifica ed è stata sospesa intorno alle 22:00. Il prossimo incontro si terrà il 2 dicembre presso la Corte costituzionale, dove il primo ministro Prayuth Chan-O'Cha si pronuncerà su un presunto abuso di potere nelle abitazioni militari.

-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=–=–=–=–==-

Non dimenticate di iscrivervi alla nostra newsletter e riceverete tutte le nostre notizie in un'unica e-mail giornaliera senza spam Clicca qui!

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google News, Instagram, Tiktok, Youtube, Pinterest, Parler, Lavagna a fogli mobili oppure Tumblr

Unisciti alla discussione nel nostro gruppo di Facebook https://www.facebook.com/groups/438849630140035/o nei commenti che seguono.

Volete fare pubblicità con noi o chiedere di promuovere la vostra attività, evento, beneficenza o sport locale, ecc. Inviaci un'e-mail a Sales@ThePattayaNews.com

Avete una notizia generale, un comunicato stampa, una domanda, un commento, ecc. Non siamo interessati alle proposte SEO. Inviaci una mail a Pattayanewseditor@gmail.com

Invio
Recensione dell'utente
0 (0 voti)