Settimana della Thailandia in rassegna: I primi cinque notiziari nazionali in Thailandia per l'ultima settimana, 16-22 novembre

Ecco uno sguardo in alto NAZIONALE storie, scelte dalla nostra Nazionale Pattaya News/TPN, dalla scorsa settimana, dal 16 al 22 novembre, con qualche commento. Non sono di particolare importanza, ma sono elencati in ordine di data di pubblicazione.

FOTO: INN News

1. La Thailandia legalizza la distribuzione e il possesso di alcuni stupefacenti, tra cui la cocaina, per un uso medico limitato e per la ricerca

Dopo che l'anno scorso la Tailandia ha legalizzato la cannabis per scopi di ricerca medica e scientifica, più di 100 controversi stupefacenti sono ora autorizzati ad essere usati, distribuiti e posseduti per scopi simili. L'uso legittimo degli stupefacenti deve essere effettuato rigorosamente in base alla licenza per gli stupefacenti rilasciata dalle autorità competenti. Tuttavia, gli stupefacenti in questione rimangono nell'elenco degli stupefacenti della Thailandia. Pertanto, l'uso, la distribuzione e il possesso di tali droghe per altri scopi sono ancora considerati illegali nella legge thailandese.

La Thailandia legalizza la distribuzione e il possesso di alcuni stupefacenti, tra cui la cocaina, per un uso medico limitato e per la ricerca

2. 2. I tassametri a Bangkok possono ora addebitare ai passeggeri il costo del bagaglio aggiuntivo, secondo il Ministero dei Trasporti

I turisti thailandesi e stranieri che intendono recarsi in entrambi gli aeroporti di Bangkok con i tassametri a noleggio dovranno ora risparmiare un po' di soldi per le spese aggiuntive per i loro bagagli. Le tariffe saranno classificate in base alle dimensioni lineari di ogni bagaglio, a partire da 20 a 100 baht, e saranno applicate solo per i passeggeri che viaggiano dall'aeroporto Don Mueang o dall'aeroporto di Suvarnabhumi, ha dichiarato il Ministro dei Trasporti.

Secondo il Ministero dei Trasporti, i tassametri di Bangkok sono ora autorizzati a far pagare ai passeggeri il supplemento per il bagaglio.

3. I manifestanti a favore della democrazia devono affrontare diverse accuse dopo aver raccolto e spruzzato vernice, vernice a spruzzo e pistole ad acqua la scorsa settimana al Quartier Generale della Polizia Reale

La protesta di mercoledì scorso è stata messa in scena dopo l'annuncio della prima protesta crescente da parte di importanti leader della protesta in un incontro di fronte al parlamento, martedì, come risposta a quella che credevano essere un'ingiusta dispersione della protesta durante la loro marcia di martedì e in cui molti manifestanti sono rimasti feriti a causa dei grandi scontri con i gruppi dell'opposizione e con le forze dell'ordine. Un gruppo di manifestanti furiosi aveva marciato dall'incrocio di Ratchaprasong verso la sede della Royal Thai Police prima di spruzzare vernice e spruzzare pistole ad acqua nel quartier generale, deridendo la dispersione della polizia sui manifestanti. Anche le strade vicine sono state dipinte con opere d'arte e graffiti contro la polizia, il governo e la più alta istituzione. Un giorno dopo la fine della manifestazione, un portavoce della polizia reale ha dichiarato che alcuni manifestanti saranno accusati di aver causato la perdita della proprietà, di aver violato il Cleanliness Act e di aver presumibilmente aggredito fisicamente gli agenti di polizia.

I manifestanti a favore della democrazia devono affrontare diverse accuse dopo aver raccolto e spruzzato ieri vernice, vernice a spruzzo e pistole ad acqua nella sede della polizia reale

4. Cinque bozze di emendamenti alla carta, tra cui la "Bozza del Popolo", respinta dai legislatori thailandesi durante la sessione parlamentare di ieri

Il rifiuto della "Bozza del Popolo" aveva suscitato l'indignazione dei manifestanti filodemocratici, poiché la bozza, sponsorizzata e resa nota dal gruppo civile iLaw, è stata sostenuta e firmata da oltre 100.000 thailandesi. Per loro, il rifiuto implica anche che la maggioranza dei legislatori thailandesi ha ignorato le richieste del "popolo" e ha scelto di schierarsi sul governo militare del primo ministro Prayuth Chan-O'Cha. Il progetto di legge iLaw cerca di revocare tutte le politiche attuate dal Consiglio nazionale per la pace e l'ordine (NCPO) e alcune misure relative alla più alta istituzione tailandese. Il rifiuto si traduce anche in un'altra crescente dimostrazione a favore della democrazia davanti al Crown Property Bureau questo mercoledì.

Cinque bozze di emendamenti alla Carta, tra cui la "Bozza del Popolo", respinta dai legislatori thailandesi durante la sessione parlamentare di ieri

5. Sessanta sacchi di ketamina sequestrati nel magazzino di Chachoengsao non contengono ketamina, sostiene ieri il segretario generale dell'ONCB

Un enorme busto di contrabbando di ketamina del valore di quasi 30 milioni di baht a Chachoengsao all'inizio di questo mese si è rivelato non essere quello che sembra, in quanto il vice segretario generale dell'ONCB ha annunciato ieri che 60 sacchi a caso non erano ketamina ma piuttosto fosfato trisodico, comunemente usato nelle industrie alimentari e farmaceutiche. L'Ufficio del Consiglio per il controllo degli stupefacenti (ONCB) ha detto che entro la fine di questa settimana saranno effettuati ulteriori esami in tutti i 475 sacchi con le agenzie nazionali e internazionali collegate, compresi i funzionari dell'UNODC che ha appena visitato l'ONCB per testimoniare il totale dei sacchi sequestrati oggi.

60 sacchi di ketamina sequestrati nel magazzino di Chachoengsao non contengono ketamina, sostiene ieri il segretario generale dell'ONCB

Questo è tutto per questa settimana, grazie come sempre per aver letto il Pattaya/TPN National News!

Invio
Recensione dell'utente
0 (0 voti)