Settimana della Thailandia in rassegna: Le cinque migliori storie nazionali in Thailandia dell'ultima settimana

Ecco uno sguardo in alto NAZIONALE storie, scelte dalla nostra Nazionale Pattaya News/TPN, dalla scorsa settimana, dal 19 al 25 ottobre, con qualche commento. Non sono di particolare importanza, ma sono elencati in ordine di data di pubblicazione.

1. 39 turisti cinesi arrivano a Bangkok e sono risultati finora negativi al test Covid-19, il Ministro del Turismo e dello Sport conferma oggi

La scorsa settimana la Tailandia ha accolto il primo gruppo di turisti provenienti da Shanghai, Cina, nell'ambito del regime dei visti turistici speciali (STV). La maggior parte di loro aveva pianificato un soggiorno a lungo termine di un massimo di 270 giorni viaggiando per lo più verso le spiagge vicino alla capitale. Secondo il ministro del Turismo e dello Sport Phiphat Ratchakitprakarn, secondo il ministro del turismo e dello sport Phiphat Ratchakitprakarn, almeno 400 turisti cinesi dovrebbero visitare il Paese entro l'inizio di novembre se il sistema si sarà dimostrato efficace con il primo gruppo, sostenendo che genereranno un reddito turistico di circa 800.000 baht a persona durante l'intero viaggio.

39 turisti cinesi arrivano a Bangkok e sono risultati finora negativi al test Covid-19, il Ministro del Turismo e dello Sport conferma oggi

2. I manifestanti a favore della democrazia a Bangkok marciano alla Government House per chiedere le dimissioni del Primo Ministro entro tre giorni

I manifestanti filodemocratici avevano aumentato l'intensità dei loro raduni per chiedere le dimissioni del primo ministro Prayuth Chan-O'Cha e del suo governo militare marciando dalla Victory Monument di Bangkok alla Government House la settimana scorsa. I manifestanti hanno presentato una lettera di dimissioni formali del primo ministro Prayuth ai comandanti della polizia, insistendo sul fatto che smetteranno di protestare solo se si dimetterà entro tre giorni. In seguito il Primo Ministro ha ignorato la loro richiesta, con il risultato che questa settimana si sono tenute diverse proteste in programma.

Ricapitoliamo: I manifestanti a favore della democrazia a Bangkok marciano alla Government House per chiedere le dimissioni del Primo Ministro entro tre giorni

3. Il governo thailandese termina la dichiarazione di una grave emergenza a Bangkok

Il governo thailandese ha ritirato il grave stato di emergenza a Bangkok dopo l'annuncio televisivo di Prayuth Chan-O'Cha durante la marcia dei dimostranti alla Casa del Governo che la dichiarazione sarebbe stata revocata se non ci fossero stati incidenti violenti tra manifestanti, forze dell'ordine o gruppi di protesta rivali. Questa notifica, tuttavia, non è il decreto di emergenza nazionale che era in vigore da marzo per prevenire la diffusione di Covid-19.

Il governo thailandese mette fine alla dichiarazione di una grave emergenza a Bangkok

4. La donna francese risulta positiva al test Covid-19 su Koh Samui poco dopo essere stata rilasciata dalla quarantena di 14 giorni

Il caso è considerato il primo caso locale confermato di infezione da Covid-19 nella zona di Koh Samui in circa sette mesi. La donna francese era tornata dalla Francia con il marito e il figlio a Koh Samui ed era risultata positiva al coronavirus Covid-19 due volte dopo 14 giorni di quarantena. La sua famiglia e altri contatti ad alto rischio sono risultati tutti negativi al virus e sono rimasti in quarantena. Inizialmente si ritiene che la donna sia stata infettata dal Covid-19 durante l'autoisolamento in un hotel di Samut Prakan.

La donna francese risulta positiva al test Covid-19 su Koh Samui poco dopo essere stata rilasciata dopo 14 giorni di quarantena

5. Il primo ministro thailandese non si dimette, i manifestanti a favore della democrazia organizzano altre proteste

Il generale Prayuth Chan-O'Cha ha segnato la sua posizione di primo ministro thailandese e ha ignorato la richiesta di dimissioni degli attivisti filodemocratici. È stato sentito dire che non si sarebbe dimesso dopo le preghiere buddiste di domenica a Wat Chetuphon Wimon Mangkhalaram, che hanno portato a manifestazioni organizzate più intense da parte dei manifestanti filodemocratici, compresa la marcia in corso all'ambasciata tedesca questo pomeriggio.

Il primo ministro thailandese non si dimette, i manifestanti a favore della democrazia organizzano altre proteste

Questo è tutto per questa settimana, grazie come sempre per aver letto il Pattaya/TPN National News!

Invio
Recensione dell'utente
0 (0 voti)