Caratteristica: Questa settimana i lettori hanno risposto alla domanda "Gli stranieri dovrebbero essere coinvolti nelle proteste politiche thailandesi?

Caratteristica:

Ogni settimana abbiamo una nuova funzione che si concentra sul porre ai nostri lettori una domanda, compilare le vostre risposte e poi evidenziare alcune delle risposte migliori in un articolo di follow-up. La domanda originale sarà generalmente posta all'inizio della settimana con il seguito e i risultati alla fine della settimana.

  Per saperne di più su questa domanda delle settimane, consulta l'argomento originale qui sotto:

Reader Talkback: Gli stranieri dovrebbero essere coinvolti nelle proteste politiche thailandesi?

E i risultati sono arrivati:

La risposta è stata NO, gli stranieri non dovrebbero essere coinvolti nelle proteste politiche in Thailandia. Tenete presente che queste sono opinioni dei lettori e potrebbero non riflettere quelle di The Pattaya News Company Limited.

  Alcuni punti salienti delle risposte sono tuttavia riportati di seguito, sia positivi che negativi:

Earl: Sono americano (mi dispiace) e mi trasferirò in Thailandia con mia moglie thailandese. Ci sono stato l'anno scorso e mi piace molto. Sono molto attivo nelle manifestazioni pacifiche a casa, perché il nostro governo è stato il peggiore dei 68 anni che ho vissuto qui. So che sarò ospite in quel paese e che dovrei stare fuori da tutte le questioni politiche, ma se la mia famiglia thailandese sta protestando ed è enorme, non so se riuscirò a trattenermi. Dopo aver sentito parlare delle prigioni thailandesi, prometto di fare il gentelman 🙂 Mi piace quello che dice Ken sul contattare la nostra Ambasciata!

Sam: La domanda da sola è un po' irritante. Tutti dovrebbero essere coinvolti quando l'ingiustizia e l'arbitrarietà ostacolano la libertà di parola e di vita. Non capisco i Farang che chiudono un occhio e vogliono lasciare tutto ai thailandesi. Chiunque viva qui da anni o decenni conosce la realtà. Cosa c'è di sbagliato nel mostrare un po' di simpatia? La situazione in Thailandia e il turismo sono in declino da anni, molto prima di Covid. Il silenzio o l'obbedienza cieca aiuteranno? Credo che ci sia un motivo per cui centinaia di migliaia di persone si mettono in viaggio. Io stesso lo vedo, lo capisco e vi assisterò moralmente finché potrò. La vita è importante indipendentemente dalla causa o dal colore della pelle. Per tutti noi.

Stephen: Assolutamente no. Noi non siamo thailandesi, non votiamo, non siamo residenti, solo ospiti. Lasciate la politica thailandese ai thailandesi. Essere sposati con un thailandese o avere figli o un lavoro thailandese e pagare le tasse è irrilevante.

George: No, io vengo dall'Australia e non siamo lì per interferire nella politica di un altro Paese. Questo dipende dal popolo della Thailandia

Charlie: Il mio punto di vista, per quello che vale la pena, è il coinvolgimento diretto dicendo che la partecipazione a raduni di protesta è inaccettabile per gli stranieri - ci sono state (e continuano ad esserci) molte notizie sull'interferenza straniera nei processi politici di altre nazioni. Tuttavia, l'evidenziazione di azioni inaccettabili, da parte di QUALSIASI parte, è abbastanza accettabile, a patto che sia basata su informazioni fattuali.

Ken: La cosa migliore da fare per i forestieri è contattare le loro ambasciate e chiedere che il loro governo e i loro ambasciatori condannino quanto sta accadendo nel nostro Paese adottivo.
Come molti hanno detto che siamo ospiti. Essere fisicamente coinvolti potrebbe comportare l'espulsione o il rifiuto del prossimo visto. Non pensate neanche per un minuto che le telecamere a circuito chiuso e altri filmati non saranno esaminati dall'Immigrazione thailandese. Tuttavia, questo non significa che non possiate esprimere la vostra opinione ai vostri governi.

Evan: Se non hai diritto di voto in Thailandia, credo che non dovresti avere voce in capitolo e non dovresti farti coinvolgere.

Tim:

Gli stranieri devono essere coinvolti? No, a meno che non vogliano essere espulsi rapidamente. Le autorità thailandesi staranno sicuramente alla ricerca di stranieri nelle proteste. Io non lo farei. Se fossi a Pattaya, sarei in un bar a guardarli passare. Oppure lascerei la zona in fretta, che è molto meglio. 
Comunque va bene avere un'opinione. Proprio come fanno i miei amici europei su Brexit o Donald Trump. 
Molti stranieri all'esterno potrebbero pensare che se domani Prayuth si dimettesse e si tenessero elezioni libere ed eque, il nuovo governo thailandese si aprirebbe improvvisamente e darebbe il via al turismo. Non lo farebbero. Sarebbero spaventati come lo è ora Prayuth. Non ci sarà una vera apertura senza un vaccino. 
Ho già dato migliaia di baht a persone che hanno bisogno di sfamare i loro figli a causa della perdita di reddito. Ho speso una somma a sei cifre nel Regno per 11 anni solo per essere etichettato come "sporco farang" dai potenti. Il mio villaggio nel Regno Unito non ha avuto un solo caso di Covid 19 in questa pandemia. I tweet di Anutin che sono stati poi cancellati mi hanno mostrato cosa pensano veramente le autorità di noi.
Non c'è dubbio che Covid 19 sia un Dio mandato a chiamare i thailandesi ultra conservatori imbarazzati dai tabloid occidentali nel corso degli anni con le loro squallide storie di turismo sessuale. Non vogliono che i turisti occidentali tornino e alcuni hanno in realtà accusato gli occidentali di essere dietro le proteste. 
Secondo me non rappresentano la maggioranza dei thailandesi. La maggior parte di quelli che conosco (non le ragazze del bar) vuole che i turisti ritornino se si può garantire che siano liberi da Covid 19. Test alla partenza, 5 giorni di quarantena e re test otterrebbero 99% di casi al momento.
Alcuni potrebbero obiettare che sto cercando di giudicare la Thailandia secondo gli standard occidentali, ma non è così. La maggioranza vuole una democrazia di tipo occidentale e elezioni libere ed eque.
Non credo sia sbagliato esprimere opinioni a sostegno di questo.
  Grazie per il vostro feedback nel complesso, lo apprezziamo!
Invio
Recensione dell'utente
5 (1 voto)