Secondo la Banca Mondiale, il PIL della Thailandia dovrebbe scendere fino al 10,4%, la peggiore recessione economica dei paesi ASEAN.

FOTO: Thairath

Nazionale -

Il PIL della Thailandia è previsto essere la peggiore recessione economica tra i paesi ASEAN nella pandemia di Covid-19, ha detto la Banca Mondiale ieri, 29 settembre.

Secondo lo studio dell'organizzazione sulla crescita economica dei paesi della regione Asia-Pacifico dopo l'epidemia di Covid-19, l'economia della Thailandia potrebbe contrarsi dell'8,3 per cento o addirittura del 10,4 per cento se i settori del commercio e del turismo, così come l'incertezza politica, dovessero ancora peggiorare entro la fine di quest'anno.

Lo studio menziona che la Thailandia ha dovuto affrontare molte trasmissioni locali di casi di Covid-19 durante l'inizio della pandemia, ma li ha controllati nella fase iniziale, attuando rigorose misure di viaggio e sanitarie e di allontanamento sociale per prevenire la diffusione del coronavirus. Questo includeva la chiusura delle loro frontiere al turismo, un'industria importante per la Thailandia.

Ma le misure sono un'arma a doppio taglio, poiché il paese dipende fortemente dalle entrate provenienti dalle esportazioni e dai settori dei servizi e del turismo. Esse stanno ora determinando la lenta ripresa dell'economia interna che è diventata peggiore di quella della Cina e del Vietnam, dove la ripresa economica è ora potenzialmente iniziata.

Se lo studio è accurato, sarà la peggiore contrazione economica per la seconda economia del Sud-Est asiatico, e anche molto peggiore della sua contrazione del 7,9% nel 1998 dopo la crisi finanziaria asiatica del 1997.

FOTO: Thansettakij

Kiatipong Ariyapruchya, l'economista senior della Banca Mondiale, ha detto all'Associated Press che ci vorranno almeno 3 anni prima che il PIL del Paese torni agli standard pre-Covidi.

Ha detto: "Una potenziale seconda ondata di Covid-19, la siccità e le inondazioni in corso, insieme alle tensioni politiche, comprese le dimissioni dei membri della squadra economica e le proteste anti-governative in corso nel paese, potrebbero influenzare l'economia thailandese nel terzo e quarto trimestre di quest'anno fino al prossimo anno o, nel peggiore dei casi, per altri 3 anni".

FOTO: Agenzia di stampa thailandese

Birgit Hansl, il country manager della Banca Mondiale per la Thailandia, ha inoltre dichiarato che, sebbene il governo thailandese abbia lanciato diversi stimoli monetari, come la campagna "Viaggiamo insieme" o le vacanze supplementari, affinché la sua popolazione dia impulso all'economia nazionale, non riuscirà a recuperare il PIL nazionale nel suo complesso. Ha anche affermato che, sebbene un difficile problema nel tenere chiusa l'industria del turismo straniero sia stato quello di distruggere le infrastrutture turistiche del Paese.

"Il governo deve ammettere che il decreto di emergenza sta peggiorando l'economia del Paese. Si consiglia di collaborare con il settore privato per trovare alternative per bilanciare l'attuazione delle misure sanitarie pubbliche e il rilancio dell'economia nazionale", ha concluso Birgit.

-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=–=–=–=–==-

Non dimenticate di iscrivervi alla nostra newsletter e riceverete tutte le nostre notizie in un'unica e-mail giornaliera senza spam Clicca qui!

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google News, Instagram, Tiktok, Youtube, Pinterest, Parler, Lavagna a fogli mobili oppure Tumblr

Unisciti alla discussione nel nostro gruppo di Facebook https://www.facebook.com/groups/438849630140035/ o nei commenti che seguono.

Invio
Recensione dell'utente
4 (5 voti)