La protesta notturna della Thailandia a Bangkok a favore della democrazia spinge per una maggiore pressione sulle misure di riforma democratica

FOTO: นิรนามปลดแอก

Nazionale -

Il massiccio raduno di attivisti filodemocratici a livello nazionale ha attirato l'attenzione nazionale e internazionale ieri, 19 settembre, affermando di essere la più grande manifestazione antigovernativa mai realizzata a Bangkok dopo che il primo ministro Prayut Chan-O'Cha ha preso il potere originariamente con un colpo di stato del 2014.

La protesta di massa era in corso da quasi 24 ore e si è conclusa stamattina davanti al Gran Palazzo di Sanam Luang, Bangkok, con una folla enorme di dimostranti filodemocratici in tutta la nazione, oltre a molti giornalisti e curiosi.

Il raduno, guidato dal Fronte Unito di Thammasat e Dimostrazione, è iniziato ieri mattina davanti al Thaprachan Campus dell'Università di Thammasat ed è riuscito ad entrare nell'università nel pomeriggio, nonostante la disapprovazione del suo rettore per occupare l'università come luogo di incontro.

FOTO: Thairath

Tre ore dopo, la massa, stimata in quel momento in 1000 persone, si è spostata verso Sanam Luang, dove era prevista una grande manifestazione. La polizia ha detto loro di terminare la manifestazione a Sanam Luang entro un'ora, avvertendo che il terreno reale era off-limits.

I leader studenteschi filodemocratici avevano negoziato con i funzionari governativi competenti per occupare solo il lato sud del terreno. La polizia ha poi recintato l'area per consentire ai manifestanti di radunarsi dopo il discorso, dando luogo alla prima assemblea su larga scala in più di 10 anni a Sanam Luang.

La sera è stato allestito un palco di raduno con spettacoli e discorsi incoraggianti sul tema delle loro tre richieste fondamentali: la fine dell'intimidazione degli attivisti politici, un nuovo progetto di costituzione e lo scioglimento del parlamento.

I discorsi più importanti sono stati evidenziati nel corso della serata da diciotto studenti e attivisti filodemocratici a livello nazionale, tra cui l'avvocato per i diritti umani Arnon Nampa che è stato arrestato più volte in precedenza per presunte violazioni della legge.

FOTO: Thairath

Altre persone sono state viste radunarsi e stabilirsi al raduno di due giorni di notte. Molti indossavano maschere facciali ma hanno ignorato la richiesta del Primo Ministro di annullare l'evento di giovedì sera, sostenendo che le proteste rischiavano di diffondere il coronavirus Covid-19 e di compromettere la ripresa dell'economia tailandese.

Nel frattempo, la polizia aveva sequestrato circa 50.000 copie di un libretto sulla riforma della monarchia da una casa vicino al campus della Thammasat University Rangsit a Pathum Thani, che si pensava fosse stato preparato per la protesta.

Uno dei leader studenteschi filodemocratici, Parit "Penguin" Chiwarak, ha detto all'Associated Press che gli organizzatori hanno pianificato di rimanere con il loro stesso piano di movimento originale di marciare alla Casa del Governo il giorno successivo per mostrare il potere delle riunioni di massa del popolo. Hanno insistito per condurre l'evento in modo vivace ma pacifico.

FOTO: PPTV

Dopo la mezzanotte, altri funzionari della sicurezza sono stati dispiegati per sorvegliare la protesta e pattugliare l'area di Ratchadumnoen, mentre una discreta quantità di barriere in cemento e funi metalliche e di autobus pubblici sono stati installati davanti alla Casa del Governo e lungo la strada di Ratchadumnoen, bloccando altre strade pubbliche che si credeva fossero il percorso di marcia dei manifestanti al mattino.

Tuttavia, i leader della protesta avevano annunciato una sorprendente dichiarazione nella mattinata di oggi, 20 settembre, che la marcia non sarebbe proseguita, ma che avrebbero installato una targa simbolica della democrazia nel campo accanto al Grande Palazzo, che segna uno dei più grandi movimenti democratici del Paese.

L'installazione è destinata a sostituire una targa commemorativa della Rivoluzione Siamese del 1932 nella Royal Plaza, che sarebbe misteriosamente scomparsa nel 2017.

FOTO: Bangkokbiznews

Gli studenti attivisti pro-democrazia hanno concluso il loro raduno notturno intorno alle 11:00 dopo che uno dei loro leader, Panusaya "Rung" Sithijirawattanakul, 21 anni, ha presentato una lista di richieste al capo dell'Ufficio di Polizia Metropolitana, incluse le controverse richieste riguardanti la monarchia thailandese.

Parlando dopo, Parit aveva anche incoraggiato tutti i manifestanti antigovernativi a difendere i loro diritti per sostenere la democrazia del paese e a riunirsi alla Government House il 24 settembre per fare pressione sui membri del parlamento affinché prendano in considerazione la stesura di una nuova costituzione.

 

-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=–=–=–=–==-

Non dimenticate di iscrivervi alla nostra newsletter e riceverete tutte le nostre notizie in un'unica e-mail giornaliera senza spam Clicca qui!

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google News, Instagram, Tiktok, Youtube, Pinterest, Parler, Lavagna a fogli mobili oppure Tumblr

Unisciti alla discussione nel nostro gruppo di Facebook https://www.facebook.com/groups/438849630140035/ o nei commenti che seguono.

Invio
Recensione dell'utente
4.88 (8 voti)