Caratteristica speciale: #Lifeaftertourism in Pattaya, Thailandia senza turisti stranieri, parte terza

Il Soi 7 in particolare è stato colpito duramente.

Il seguente è il terzo di una serie in corso che mostra #lifeaftertourism a Pattaya, Thailandia. 

Pattaya è stata la diciannovesima città più visitata al mondo lo scorso anno con quasi dieci milioni di turisti stranieri e circa sette milioni di turisti nazionali. La città si affida al turismo per quasi tutto il suo PIL. Con la pandemia di Covid19 che ha colpito tutto il mondo, la Thailandia ha chiuso le frontiere ai turisti stranieri per il momento. Ufficialmente, la Thailandia è ufficialmente libera da Covid a livello locale. Ci sono pochissime restrizioni e anche i locali notturni, i cinema e gli eventi sportivi sono aperti. Tuttavia, con la mancanza di turisti la scena nelle zone turistiche è desolata. Pattaya è conosciuta in tutto il mondo per la sua vita notturna, ma ora la città è tranquilla perché le imprese locali si chiedono per quanto tempo ancora possano resistere con le frontiere chiuse.

Per essere onesti, alcuni posti stanno andando bene, come i bar per gli espatriati e i locali Thai centric. Tuttavia, per la maggior parte della città la pandemia e le frontiere chiuse hanno colpito ogni settore. Va ben oltre le migliaia di bar per cui Pattaya è conosciuta. L'impatto sul turismo ha devastato ristoranti, alberghi, attrazioni turistiche, trasporti pubblici, dentisti e ospedali che si affidavano al turismo medico, operai edili che costruivano bar, negozi di massaggi, negozi di abbigliamento, riparatori... non c'è quasi nessun settore incontaminato.

Lasceremo che siano le immagini a parlare.

Le strade un tempo affollate e piene di turisti a Pattaya sono ora città fantasma di notte
Fila dopo fila di barre chiuse sull'area a luci rosse normalmente affollata di Soi Six.
Anche molti negozi della città hanno chiuso per mancanza di clienti
Un ex ristorante indiano popolare e ben recensito, ora vittima di confini chiusi
Un parcheggio di taxi per moto abbandonato. Molti automobilisti hanno abbandonato e sono tornati nelle loro province d'origine
Gli uffici di vendita per i condomini un tempo popolari sono ora abbandonati.
  • I ristoranti thailandesi non erano al sicuro dal crollo, poiché molti thailandesi hanno lasciato la città.
    In alcune aree quasi tutti i negozi di interi complessi hanno chiuso, indipendentemente dal settore.
    Alcuni segnali sono ancora presenti da quando è scoppiata la pandemia in Cina, a dimostrazione del sostegno al Paese.
    Il Soi 7 in particolare è stato colpito duramente.
    I chioschi dei tour abbandonati e i ristoranti chiusi sono una scena familiare
    Le cabine di cambio valuta sono chiuse in tutta la città. È difficile trovare uno stand aperto.
    La fortuna è finita.

      Restate sintonizzati per il nostro prossimo set nel prossimo futuro.

 

Invio
Recensione dell'utente
4.44 (9 voti)