Riflettori puntati sulla comunità: La lotta di una donna per trovare un lavoro dopo la crisi di Covid-19 a Pattaya e dare da mangiare a se stessa e ai suoi due cani

Pattaya-

Si tratta di un nuovo punto di vista semi-regolare, in cui metteremo in evidenza le vere storie personali e le esperienze della comunità locale di Pattaya degli attuali abitanti della zona che sono stati colpiti dalla crisi del Coronavirus Covid-19, dal blocco di quasi quattro mesi e dalla chiusura delle frontiere internazionali ancora in corso, che ha decimato il turismo, l'intrattenimento e l'industria dell'ospitalità in Thailandia.

Se volete essere (o conoscete qualcuno che lo sia) sotto i riflettori, scriveteci una mail all'indirizzo Pattayanewseditor@gmail.com per l'inglese o inviateci un messaggio sul nostro Facebook tailandese per la lingua tailandese. qui.

Waewphet, Pattaya

  La signora Waewphet Sompon si è trovata nei guai per la prima volta all'inizio di aprile, quando è stato imposto il divieto dei voli internazionali in arrivo in Thailandia e gli hotel hanno iniziato a chiudere o a ridurre il personale.
  La Thailandia ha emanato un decreto d'emergenza per controllare il Covid-19 Coronavirus e le attività non essenziali hanno cominciato a chiudere. Waewphet aveva lavorato come assistente capo cuoco in un hotel nella zona di Naklua per molti anni e ha detto a The Pattaya News di aver fatto una vita comoda, ma modesta. Era in grado di provvedere a se stessa e ai suoi due cagnolini, che sono il suo orgoglio e la sua gioia, nella foto qui sotto. Vivono in un minuscolo, ma confortevole, appartamento nella zona di Na Jomtien, pesantemente decorato con artefatti e simboli religiosi, poiché la signora Waewphet, anche nella situazione attuale, rimane molto religiosa e ottimista per il futuro.

All'inizio di aprile, la direzione del suo hotel l'ha informata della decisione di porre fine al suo impiego. Aveva pochi risparmi e, per la maggior parte, aveva vissuto di stipendio in stipendio, come ha detto a The Pattaya News. Ha fatto domanda per la previdenza sociale, ma ha dichiarato di avere difficoltà con il programma e di non essere ancora stata pagata né per questo né per altri pagamenti di sostegno finanziario offerti durante il blocco della pandemia in Thailandia. È riuscita a sopravvivere fino a questo punto, ma dice di essere a corto di opzioni.

Waewphet ha dichiarato che ora che il blocco si è allentato in Thailandia e tutte le restrizioni commerciali sono state eliminate internamente, ha passato ogni giorno a cercare lavoro nella zona di Pattaya, Jomtien e Naklua, ma non ha avuto successo. Ha dichiarato di avere solo un'istruzione di prima media e, insieme al fatto che la maggior parte degli alberghi non ha ancora riaperto, non è stata in grado di trovare lavoro nel suo campo come assistente cuoco. Ha dichiarato che tutti i ristoranti a cui ha cercato di candidarsi non hanno posti disponibili e, come gli alberghi, molti hanno deciso di non riaprire fino a quando i turisti non potranno tornare nella zona di Pattaya. La sua mancanza di istruzione le ha anche impedito di ottenere molti potenziali ruoli. Considera Na Jomtien la sua casa e da qualche tempo è sopravvissuta con l'aiuto dei suoi vicini che hanno anche aiutato a tenere i suoi cani da mangiare.

I suoi vicini hanno contattato stamattina la Pattaya Press Association che ha contribuito a ottenere questo storia nel nostro lato thailandeseche abbiamo scelto di tradurre anche in inglese. Recentemente Waewphet non è stata in grado di pagare le bollette dell'elettricità e dell'acqua ed entrambe sono state chiuse lasciando lei e i cani in un ambiente scomodo. Ha detto ai giornalisti associati che probabilmente è a un piccolo passo dall'essere una senzatetto se non riesce a trovare lavoro. Trovare un lavoro è stato anche reso più difficile dal fatto che il suo telefono si era rotto in precedenza, ha aggiunto.

Secondo i suoi vicini, spesso saltava i pasti per assicurarsi che i suoi cani fossero nutriti e curati. I suoi vicini la aiutavano con piccole somme di denaro per vari lavori svolti nella comunità locale, ma volevano aiutarla a trovare una fonte di lavoro permanente. Waewphet ha dichiarato ai giornalisti che non vuole la carità o le donazioni, vuole un'opportunità per mettersi alla prova e tornare al lavoro per provvedere ai suoi animali e a se stessa.

Questa sera, al momento della stampa, diversi commenti sul lato thailandese delle nostre notizie, dove sono state pubblicate le informazioni di contatto della vicina, hanno dichiarato che potrebbe essersi assicurata un lavoro grazie alla nostra copertura thailandese. Forniremo un aggiornamento su questa situazione non appena avremo informazioni confermate.

La situazione di Waewphet, per quanto tragica, è una delle decine di migliaia di persone che si trovano nella zona di Pattaya. Poiché Pattaya tradizionalmente si affida al turismo per circa l'ottanta per cento delle sue entrate complessive, la città è stata colpita dall'impatto dei divieti di viaggio e dalla mancanza di turismo internazionale più duramente che in quasi tutta la Thailandia, salvo forse per alcune delle isole popolari tra i turisti. Senza alcun segno di diminuzione della pandemia in tutto il mondo e con la Thailandia che persegue una "strategia di eliminazione" del Covid-19 Coronavirus VS. una strategia di soppressione, è improbabile che le frontiere vengano aperte a breve.

Fino ad allora, Waewphet e molti altri dovranno combattere il meglio che possono per prendersi cura di se stessi e di coloro che amano.

Invio
Recensione dell'utente
5 (7 voti)