Il partito di opposizione del governo thailandese avverte di non usare la situazione del soldato egiziano Covid-19 per estendere il decreto di emergenza

Bangkok-

Eminenti leader dei partiti dell'opposizione al governo thailandese hanno avvertito il governo che avrebbero dovuto non usare il soldato egiziano che è risultato positivo a Covid-19 e ha violato la quarantena a Rayong come motivo per estendere il decreto di emergenza.

Questo avviene perché i social media thailandesi sono indignati per la situazione che ha visto un gioco di colpe su chi è colpevole tra le varie agenzie e organizzazioni governative. Il Center for Covid-19 Situation Administration, nel frattempo, ha incolpato l'ambasciata egiziana per la violazione.

Phumtham Wechayachai, membro di spicco dell'opposizione al governo thailandese e consigliere del leader, avvertito su facebook che il governo non dovrebbe usare questa situazione a suo vantaggio.

Phumtham ha detto che il governo non dovrebbe punire il popolo thailandese con minacce di serrate o chiusure di attività a causa di un problema che non è colpa di nessuno a Rayong o in Thailandia. Ha anche detto che molte persone sui social media erano preoccupate che il governo avrebbe usato la situazione attuale per estendere il decreto d'emergenza, che dà al governo thailandese e al primo ministro Prayut Chan O'Cha poteri e autorità. Il decreto dovrebbe terminare il 31 luglio e la discussione su una possibile proroga è prevista per la fine del mese.

I commenti su diversi gruppi thailandesi su Facebook sembrano confermare le dichiarazioni di Phumtham, con centinaia di commenti arrabbiati su The Pattaya News Thai Facebook e su altri siti web dei media. C'era anche il timore che il governo avrebbe usato la questione per estendere le proprie misure di Decreto di Emergenza.

 

Invio
Recensione dell'utente
5 (1 voto)