I funzionari del popolare Wat Pho di Bangkok rispondono alla messa al bando degli stranieri, dicono che è per aiutare a fermare la diffusione di Covid19

Bangkok-

Aggiornamento da quando è stata pubblicata questa storia originale:

BANGKOK
Risposta dalla pagina Facebook del Wat Po, il tempio del Buddha reclinabile.....

"A causa dei lavori di restauro in corso sul Budhha reclinabile e sui dipinti all'interno dell'edificio non permette l'accesso a cittadini non thailandesi, si è deciso che per la sicurezza dei turisti avrebbe limitato l'accesso. Se ne è discusso e il tempio dovrebbe riaprire a tutti a partire dal 1° luglio 2020. Si è deciso che era una buona occasione per sfruttare la situazione con covid 19 per fare il lavoro che era necessario, e siamo molto dispiaciuti per il disagio e la delusione che la gente può provare".

La storia originale qui sotto:

Bangkok-

I social media sono stati in fermento dopo che un importante blogger ha scattato delle foto al Wat Pho all'inizio di questa settimana, una delle attrazioni turistiche più popolari di Bangkok, con cartelli che indicavano che agli stranieri era vietato l'ingresso.

I funzionari del Tempio hanno parlato oggi con l'Associated Press e hanno risposto alle aspre critiche online, ma è improbabile che la loro risposta possa piacere a molti critici.

Wit Artchinda, un funzionario del tempio, ha dichiarato che ci sono diverse ragioni, tra cui quella di contribuire a fermare la diffusione del Coronavirus Covid-19 e perché alcune parti del tempio sono attualmente in riparazione e che gli stranieri potrebbero arrabbiarsi se lo vedessero. Ha affermato che il tempio segue solo la politica del governo.

Il Pattaya News e gli altri giornali ad esso associati fanno notare che non esiste una politica del governo che vieti agli stranieri di entrare nei templi o in altre attrazioni. Anche il servizio di autobus nazionale, Transport Company Limited, ha vietato l'accesso agli stranieri in questo momento, come abbiamo riportato ieri di seguito.

https://thepattayanews.com/2020/06/11/thailand-state-bus-services-open-for-business-on-all-routes-but-no-foreigners-apparently-allowed/

Il Pattaya News rileva inoltre che tutti gli stranieri attualmente presenti nel Paese sarebbero certamente stati qui per diversi mesi e non avrebbero avuto alcun rischio aggiuntivo di trasportare il Coronavirus Covid19 , in quanto tutti i viaggi in entrata nel Paese sono stati chiusi dalla fine di marzo e le frontiere per entrare rimangono chiuse.

Invio
Recensione dell'utente
0 (0 voti)