I residenti di Chonburi si affrettano ad acquistare alcolici come vendite aperte per la prima volta dopo settimane

Chonburi-

I residenti locali si sono accalcati nei supermercati e nei grandi magazzini questa mattina, alcuni si sono messi in fila con largo anticipo rispetto all'orario legale di vendita dell'alcool alle 11:00, per acquistare oggi l'alcool in tutta la provincia di Chonburi dopo che il governo nazionale e locale ha permesso le vendite per la prima volta in circa tre settimane.

Ecco un video che la nostra squadra ha girato:

https://youtu.be/EKgbHeEWrWU

Il divieto di vendita di alcolici è stato oggetto di contesa per giorni, dato che il governo thailandese sembra aver fatto avanti e indietro più volte sulla questione se vendere o meno alcolici, nonostante la maggior parte del pubblico sembri essere contrario al divieto basato su veementi commenti dei social media.

Tuttavia, il governo thailandese ha deciso di revocare qualsiasi divieto nazionale durante il fine settimana e ha permesso ai governatori provinciali di decidere se consentire ancora una volta la vendita di alcolici. Alcune province hanno mantenuto il divieto di vendita di alcolici, come Sa Kaeo e Buriram, ma Chonburi ha deciso di autorizzare la vendita.

La decisione è arrivata quasi all'ultimo minuto con un messaggio alle 6:30 di questa mattina da parte delle Relazioni Pubbliche di Chonburi che dichiarava che non era stata ancora presa alcuna decisione. Tuttavia, intorno alle 10:00 del mattino sono stati pubblicati gli ordini che permettono la vendita.

Il motivo del divieto, secondo le autorità, era la preoccupazione per le persone che organizzavano feste e che organizzavano riunioni che potevano potenzialmente diffondere il Coronavirus Covid19 .

Centinaia di persone si sono affollate nei negozi locali, sollevando preoccupazioni online per la distanza fisica, mentre la gente prendeva d'assalto i negozi per acquistare alcolici. Molti erano apparentemente piccoli proprietari di negozi che rifornivano i loro negozi dopo settimane di assenza di consegne o di vendite.

Le vendite di alcolici sono da asporto e non si può bere nei ristoranti che hanno aperto anche oggi, almeno per quanto riguarda i locali più piccoli. Anche il bere in pubblico rimane in questo momento contro la legge e la gente può bere solo nella comodità della propria casa.

Invio
Recensione dell'utente
5 (3 voti)