Uomo cinese trovato defunto, imbalsamato in valigia con braccia e gambe legate nel nord della Thailandia, aveva precedentemente visitato Pattaya

Kamphaeng Phet...

Un trentenne cinese di 30 anni è stato trovato imbalsamato in una valigia portata a riva su un banco di sabbia nel fiume Ping a Kamphaeng Phet, nel nord della Thailandia. 

Il corpo era piegato e le caviglie erano legate con fascette di plastica. Una corda rossa circondava le braccia e le gambe.

La polizia ha detto questo pomeriggio di aver identificato l'uomo come Jun Wang, 30 anni, arrivato il 12 febbraio con un gruppo di altri quindici cittadini cinesi che sono andati a visitare Pattaya. Il resto del gruppo ha lasciato il Paese il 14 febbraio, ma Jun non l'ha fatto.

La polizia sta indagando sui legami che l'uomo aveva con il gruppo di altri cinesi e sulla sua residenza segnalata a Pattaya.

Un tratto di fiume di un chilometro dal ponte - a 500 metri dal luogo del ritrovamento del corpo - è stato perlustrato per un'ora alla ricerca di ulteriori indizi.

È in corso un'autopsia presso un centro di medicina legale in un ospedale di Phitsanulok e si prevede che la causa del decesso sia annunciata a breve. 

Fonte: Thai Rath, Thai Visa, Naew Na, materiale aggiuntivo Pattaya News

Invio
Recensione dell'utente
1 (1 voto)