Quattro turisti russi salvati al largo della costa di Koh Chang dopo quasi un giorno incagliati nell'oceano in kayak

Quattro turisti russi segnalati come dispersi il mercoledì sono stati salvati dopo che sono stati trovati bloccati sui loro kayak nella provincia di Trat, ha detto giovedì (5 dicembre) il capo della polizia per l'immigrazione, il tenente generale Sompong Chingduang.

"Gli agenti della stazione di polizia di Trat hanno ricevuto una chiamata mercoledì (4 dicembre) che quattro turisti russi avevano preso due kayak e si erano diretti da Koh Chang a Koh Khum, ma non erano ancora tornati", ha detto.

"I turisti hanno contattato i loro amici in Russia e li hanno fatti contattare dalle autorità thailandesi per inviare aiuto, ma non hanno potuto agire in quel momento a causa dei forti venti e delle onde alte".

Sompong ha detto più tardi, mercoledì, che i pescatori locali avevano trovato due turisti su un kayak e li avevano salvati, ma gli altri due su un altro kayak erano ancora dispersi.

"Alle 14:00 di giovedì (5 dicembre), la polizia dell'immigrazione ha utilizzato un elicottero in volo intorno alla zona e alla fine ha trovato gli altri due turisti sul loro kayak bloccati in acqua", ha detto.

Il capo dell'Immigrazione ha anche aggiunto che i turisti - tre maschi e una femmina - di età compresa tra i 32 e i 44 anni, erano al sicuro anche se erano esausti per la mancanza di cibo e di acqua.

I turisti sono stati poi inviati al porto di Bangbao, nel distretto di Koh Chang, dove un team di medici, la Polizia Turistica e la Polizia dell'Immigrazione erano in attesa di fornire assistenza medica, oltre a cibo e acqua.

"Se trovate turisti stranieri che hanno bisogno di assistenza, chiamate il numero verde 1178 della Polizia dell'Immigrazione o visitate il sito: www.immigration.go.th," ha aggiunto Sompong.

Invio
Recensione dell'utente
0 (0 voti)